Peperoni ripieni Like

- ">

Peperoni ripieni (ricetta di recupero avanzi)

Avete del riso avanzato dal pranzo? Dei peperoni che da soli avrebbero poco gusto? Seguite questa ricetta e, faticando poco, otterete un risultato super “WOW”!!

Ma prima scopriamo qualcosa in più sui Peperoni.

I peperoni ripieni hanno origini latino americane, furono infatti importati in Europa grazie al viaggio di Cristoforo Colombo nelle Americhe. Il peperone veniva usato essiccato e pestato da Leonardo Da Vinci , per le tinte dei suoi affreschi.

Appartiene alla famiglia delle Solanaceae ( in cui rientrano anche le piante dei pomodori, delle patate e delle melanzane) ed e un ortaggio con numerosissime varietà che differiscono tra loro per forma e colore.

Il peperone è un ortaggio ipocalorico (ha solo 20 kcal per 100 gr), composto per il 90% di acqua e per il restante 10% da zuccheri semplici e fibre, mentre sono praticamente assenti proteine e grassi. E’ molto ricco di betacarotene, con proprietà protettive di pelle e vista e di vitamina C, che aiuta l’azione immunitaria e antiossidante.

Tutto pronto?

INGREDIENTI

  • 300 gr riso
  • due zucchine
  • 4 pomodorini
  • 1 cipolla
  • acqua q.b
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro
  • 40 gr parmigiano
  • pepe

PROCEDIMENTO

Iniziate cuocendo il riso in acqua salata, in una padella fate soffriggere con un goccio d’olio e acqua una cipolla tagliata sottile, le zucchine a cubetti ed i pomodorini. Una volta cotto il riso, scolatelo tenendo da parte una tazza d’acqau di cottura, e versatelo nella padella con le verdure. Aggiungete la passata di pomodoro e l’acqua di cottura. Fate “mantecare” per qualche minuto. Infine il parmigiano ed una macinata di pepe.

Prendete quindi i peperoni, tagliate via la sommità, circa tre quarti della lunghezza, come per formare delle scatole con il coperchio.

Svuotateli privandoli dei semini interni, lavateli sotto acqua corrente e riempiteli con il riso.

Cuociono a 180° per circa 40 minuti, Varia molto a seconda della grandezza del peperone.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

- ">
Email
Print
Vai alla barra degli strumenti